Bambini nati prematuri, grandi o estremi: supporto


Prima della nascita

Se ne viene rilevato uno, si verrà indirizzati prima della nascita in un centro perinatale adatto, in modo da evitare il trasferimento del bambino dopo la nascita. Questo è ciò che i medici chiamano "trasferimento intrauterino".

Le verranno somministrati corticosteroidi due volte per via intramuscolare o endovenosa a distanza di 24 ore. Questa precauzione accelera la maturazione degli organi del bambino e compensa l'immaturità alla nascita.

In realtà è la riproduzione di un fenomeno naturale osservato nelle donne in gravidanza, poiché il livello di corticosteroidi aumenta naturalmente nel sangue appena prima della nascita del bambino.

Questi farmaci aumenteranno, tra le altre cose, la produzione di tensioattivi del tuo piccolo per aiutarlo ad adattarsi all'esterno. Questa sostanza contenuta nei polmoni mantiene aperti gli alveoli: è essenziale per la respirazione e manca nei bambini molto prematuri.

Questo primo passo consente a tuo figlio di iniziare ad adattarsi al cambiamento di ambiente che sperimenterà alla nascita, durante il passaggio dall'ambiente placentare, liquido a quello ectopico.

Caratteristiche dei bambini molto prematuri

Alla nascita, il tuo piccolo ha tutti i suoi organi interni ed esterni, ma sono ancora immaturi, non funzionano completamente.

Il tuo bambino è molto piccolo. A volte pesa meno di 1000 grammi. La sua pelle è sottile e di colore rosso scuro. Sarai in grado di osservare che la sua pilosità, i suoi capezzoli e i solchi della sua mano non sono ancora sviluppati. I suoi organi si svilupperanno a poco a poco.

Dormirà molto ma a volte sarà ben sveglio e sarai in grado di metterti in contatto con lui, prima guardando e toccando. Parla con lui. Lo farà bene e aiuterà anche te.

Stabilizzazione alla nascita

Il team medico ti spiegherà che immediatamente dopo il parto, il tuo bambino ha bisogno di stabilizzazione. Il tuo bambino deve davvero adattarsi a questo radicale cambiamento di ambiente. Si tratta solo di scaldarlo.

Gli viene quindi data assistenza respiratoria e tensioattivo polmonare se necessario fin dai primi minuti. Tuttavia, questa raramente è una vera rianimazione. Questi vari trattamenti si svolgono nella sala parto prima di unirsi all'unità di rianimazione e terapia intensiva in neonatologia.

La comparsa di complicanze respiratorie e circolatorie, nonché disturbi digestivi sono i principali rischi associati alla prematurità, motivo per cui il tuo bambino sarà attentamente monitorato dall'equipe medica per diverse settimane. Inizialmente, viene alimentato utilizzando un catetere (infusione), il più delle volte posizionato per via ombelicale.

Si evolverà gradualmente verso una dieta e una respirazione normali. Una volta stabilizzato il suo stato, gli permetterà di riscoprire le sensazioni (odore, tatto, rumore del cuore, voce …) che conosce e che lo rassicureranno.

È possibile e anche altamente raccomandato per i bambini prematuri (in mancanza, prima di 33 settimane, riceveranno latte da altre madri del lattario). Il numero di settimane trascorse nel servizio non è fisso e dipende dal suo sviluppo.

Dialogo con i dottori

Non ci sono dati scientifici specifici che collegano il normale sviluppo di un neonato prematuro al suo peso o all'età di nascita. Sono bambini molto fragili, tuttavia, e i medici sanno che nessun bambino è mai sopravvissuto al di sotto delle 22 settimane di gestazione (contato dall'ultimo periodo della madre).

La prognosi è molto variabile e dipende dal contesto in cui il bambino si è evoluto durante la gravidanza. Ipertensione, malattie durante la gravidanza, infezioni della madre, possono modificare la resistenza del bambino. Gli specialisti del servizio neonatale sono molto presenti con te per supportare le tue scelte, per spiegare la cura e l'aggressività che possono rappresentare in alcuni casi per il tuo bambino.

Il dialogo è molto importante, si tratta di trovare il miglior progetto per il benessere del tuo neonato e della tua famiglia. Puoi contare sulle informazioni e sul supporto di medici e personale infermieristico, nonché di coloro che ti permetteranno di scambiare opinioni.

Gli psicologi sono anche presenti nei servizi di neonatologia per supportarti.